5 consigli per una alimentazione consapevole

Pubblicato da Elisa Ghigino il

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è emozione-vien-mangiando.jpg
Scrivi una didascalia…

Stiamo organizzando un festival della psicologia alimentare. Vuoi sapere di più su come la psicologia influenza il tuo modo di alimentarti?

CLICCA QUI

Noi siamo quel che mangiamo ma non solo, siamo anche COME mangiamo! Prendiamo in considerazione l’alimentazione come punto di avvio verso una consapevolezza che ci porti a migliorare la nostra vita.

L’Alimentazione Consapevole diviene così un punto centrale per migliorare la qualità della vita di ognuno di noi. Si può cominciare passo dopo passo per arrivare gradualmente ad una consapevolezza maggiore della nostra vita. Non esiste una dieta valida per tutti. Ognuno di noi è un individuo con una propria costituzione e una storia propria che lo rende unico.  

Spesso sappiamo che è importante e fa bene mangiare cibi sani come frutta e verdura e limitare quelli più calorici ma ciò spesso non basta

Adottare dei piccoli accorgimenti nel nostro modo di rapportarci al cibo può fare la differenza:

VARIETA

Se per i singoli pasti è meglio limitare il numero degli alimenti assunti per raggiungere lo stimolo della sazietà in minor tempo. Per ciò che riguarda l’alimentazione nell’arco della giornata vale la regola opposta, puntare sulla varietà! Questo non solo ci permetterà di avere una dieta sana ed equilibrata ma sconfiggerà la nemica di tante diete: LA NOIA! (potrebbe interessarti anche questo articolo per approfnodire: Mens Sana…in Cibo Sano)

MASTICARE A LUNGO

La prima fase della digestione inizia dalla bocca. La masticazione lenta permette non solo una facilitazione della digestione ma soprattutto riduce il senso della fame. Secondo un recente studio della Birningham University masticare un boccone per almeno 30 secondi favorirebbe la forma fisica. Il cervello ha bisogno di questo lasso di tempo per ricevere il segnale di sazietà e a fine pasto ci si sentirà sazi e appagati. Perciò masticare più lentamente FA DIMAGRIRE!   

RIDURRE I GRASSI

Un buon modo per iniziare a ridurre i grassi assunti è quello di cercare alternative più leggere per condire. Per esempio per condire un’insalata potremmo sostituire l’olio di oliva con oli vegetali più leggeri come l’olio di sesamo. Oppure si possono utilizzare gli agrumi come il limone o le arance o ancora lo yogurt, insomma spazio alla FANTASIA!

FRUTTA E VERDURA DI STAGIONE

Oltre ad un risparmio economico da non sottovalutare , consumare frutta e verdura di stagione è un ottimo alleato della nostra salute e del nostro benessere. Le vitamine e gli elementi nutritivi  vengono preservati dal duro attacco che subiscono i prodotti dai tempi di trasporto e dalla conservazione. Inoltre, diversi studi dimostrano che i prodotti consumati nel corso della loro naturale stagione hanno proprietà nutritive maggiori rispetto a quelli fuori stagione, perciò STAGIONALITA’!

PIATTI PICCOLI

Si sa, anche l’occhio vuole la sua parte e allora perché non accontentarlo con un semplice trucchetto salva linea, usare piatti piccoli. Se usiamo piatti e bicchieri troppo grandi, tenderemo a riempirli e a consumare in questo modo maggiori calorie rispetto a quello che ci servirebbe in realtà. Se invece usiamo piatti e bicchieri piccoli avremo la soddisfazione di finire il nostro pasto consumando in realtà meno cibo.  (per approfondire potrebbe interessarti questo articolo: Come mangiare meno… comprando piatti colorati)

Vuoi avere informazioni sul festival “l’emozione vien mangiando”?

CLICCA QUI


Elisa Ghigino

Sono Psicologa dello Sviluppo e della Formazione
 Psicoterapeuta  Sistemica Relazionale
Esperta in disturbi dello spettro autistico, specializzata nei disturbi della nutrizione e del comportamento alimentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *