Attacchi di fame: il vero motivo della perdita di controllo

Pubblicato da Chiara Russo il

Ti è mai capitato di passare dal mangiare ordinato al divorare incontrollato?

“Supponiamo che ti trovi davanti ad un tavolo con a disposizione tante cose buone da mangiare. Assaggi qua e là e avverti esattamente quando dovresti smettere, ma una vocina ti dice: “Si va bene, ancora un pochino e poi basta, tanto ormai ho sgarrato, ma prometto che da domani tutto cambierà, ma poi non cambia mai niente”.

Sai perche’ non cambia mai niente?

La risposta va ricercata nel proposito di controllo che t’imponi: è come se ti mettessi una regola del tipo: “A colazione devo mangiare solo fette biscottate con la marmellata, a pranzo solo secondi senza pasta e solo il sabato posso concedermi la pizza con un dolcino”.

Si tratta di uno stile di pensiero molto rigido in cui hai scelto di non far rientrare alcuni cibi nella tua alimentazione in quanto li hai valutati cibi da lista nera.  Infatti, basterebbe un cornetto al cioccolato, un piatto di pasta, un pezzo di pane o anche una caramella per ri-metterti in moto il meccanismo dell’attacco di fame.

Ma qual è il vero motivo per cui non riesci ad essere più tollerante con te stesso?

La verità è che desideri un piacere senza limiti.

Vorresti non rinunciare ad un cibo preferito, ma la tua mente assoluta ti ricorda che se scegli un cibo calorico c’è un prezzo da pagare: le calorie e dunque, immediatamente, quel cibo diventa il carceriere dentro di te, perché lo vivi come uno sgarro, come una colpa, come un’alternativa alle tue proiezioni e aspettative.

Questa è la classica situazione a rischio di attacchi di fame, impulsi che scattano perché non hai limiti di tolleranza che ti consentirebbero di assaggiare cibi-piacere in media quantità,   prevenendo la perdita di controllo.

L’irrompere dell’istinto che si verifica durante gli attacchi di fame non consente alcuna attesa. E’ una visione del mondo in bianco e in nero senza sfumature di gratificazioni giornaliere. Quasi tutti gli attacchi di fame che ti colpiscono possono essere classificati sotto le voci “trattenersi e sacrificarsi”. Molte volte non sei neppure consapevole di quando e dove ti reprimi.

Osserva qui di seguito cosa succede dentro di te:  

Ogni giorno sei in lotta tra il desiderio di mangiare qualcosa di buono e il senso di colpa: infatti se, per esempio, decidi di mangiare un pezzo di torta intero subito pensi: “Era meglio se mangiavo un frutto”; se, invece, decidi di mangiare metà fetta di torta pensi “ne voglio ancora” e  desideri subito l’altra metà che diventando un pensiero fisso  ti provoca l’attacco  a divorarla tutta  accompagnato da odio verso te stessa/o  e preoccupazione per il tuo peso e per il  giudizio degli altri.

La bella notizia è che è possibile uscire da questo circolo vizioso e liberarsi dal senso di colpa se ti concedi il diritto di gratificarti. La gratificazione è un bisogno e se continui a resistergli si attiverà dentro di te la compulsione di un attacco di fame ingestibile.

L’alimentazione non va razionalizzata

L’alimentazione non si riassume in un complicato calcolo di calorie, NO, così come l’equilibrio alimentare non si gioca su un pasto.

Puoi regolare il tuo peso attraverso l’ascolto delle tue personali   voglie alimentari perché hai il diritto di mangiare ciò che ti piace.

Se, invece, continui   a vietarti gli alimenti che ti piacciono ma che fanno ingrassare perché vuoi essere magro/a, tale restrizione cognitiva provocherà  delle disfunzioni del comportamento alimentare e il tuo peso reale si allontanerà da quello ideale rendendoti a vita schiava/o del cibo e più cercherai di dimagrire, più ingrasserai!

Dunque, come uscirne?

Esiste un modo semplice, una strategia efficace per arginare l’attacco di fame improvviso?

La risposta è Si.  

Se sei interessata/o all’argomento sarò lieta di ascoltare le tue problematiche a riguardo e di aiutarti a mettere in atto i giusti meccanismi piscologici per gestire gli attacchi di fame.

IL MOMENTO GIUSTO PER PASSARE DAL PENSIERO ALL’AZIONE E’ QUELLO   CHE DECIDI TU: SE UNA COSA NON LA FAI E’ PERCHE’ IN FONDO NON L’HAI MAI VOLUTA “.

potrebbero interessarti anche i seguenti articoli:

Iscriviti al nostro blog per rimanere aggiornato sulla psicologia dell’alimentazione e ricevere informazioni sulle nostre attività come ad esempio il festival l’emozione vien mangiando

* i campi contrassegnati con asterisco sono obbligatori
Possiamo contattarti via email? Ti chiediamo ulteriormente il consenso perchè ci siamo adeguati alla nuova normativa sulla privacy GDPR 😉 leggi la pagina privacy policy sul nostro sito *
Il tuo interesse è personale o professionale?

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Della Grave Riccardo, Terapia cognitivo comportamentale ambulatoriale dei disturbi alimentari, Positive Press, Verona 2003;

Gabet-Pujol Sandrine, Quaderno d’esercizi per tenere il peso sotto controllo, Vallardi Editore, Milano 2017;

Gockel Renate, Donne che mangiano troppo, Feltrinelli Editore, Milano 2010;

Parenti Stefano, Magda Arnold. Psicologa delle emozioni, D’Ettoris Editori, Crotone 2017;

Todisco Patrizia e Vinai Piergiuseppe, la fame infinita, Centro Scientifico Editore, Torino 2008.


Chiara Russo

Ciao a tutti sono Chiara Russo ed ho 31 anni.
Ho studiato Psicologia Clinica e della Salute presso L'università Gabriele D'Annunzio di Chieti-Pescara e  sono iscritta  all'Ordine degli Psicologi della Campania da  circa un anno.
Durante gli anni di  tirocinio ho avuto la fortuna di  osservare  bambini con autismo, disagio psichico e disturbi dell'apprendimento.
Ho altresì  collaborato allo sportello di ascolto  di una scuola media per sostenere ragazzi con problematiche di bullismo, bassa autostima , autolesionismo e problematiche di tipo alimentare.
L'ambiente scolastico è uno tra i  miei preferiti  e ad oggi insegno Scienze Umane presso un Istituto Paritario  Superiore.
Sono una persona molto socievole , creativa e con un ottimo spirito di adattamento.
Cerco sempre di puntare ad una psicologia della Felicità.
Ho esperienza nel campo dei disturbi alimentari , in particolare per problemi di Bulimia e Binge Eating Disorder, in quanto ne ho sofferto in prima persona ed ho affrontato un percorso  di Psicoterapia personale al centro di Pescara per circa 2 anni e mezzo affiancata da psicologa, dietista e medico.
Per questo desidero  con tutto il  Cuore lavorare nell'ambito dell'alimentazione per  offrire la mia testimonianza ed il mio sostegno ,stimolando la fiducia nella possibilità di guarigione  proprio come è successo a me.
In ogni occasione che mi  si presenta cerco sempre di incoraggiare il sentimento di speranza e autostima.
Cerco , inoltre, di mettere in crisi la convinzione d'impotenza delle persone, lavorando alla costruzione di una nuova idea di sè ,  stimolando sia  la riflessione  sulla propria vita sia un  modo più efficace di sentire e agire .
Il mio Motto è :"Dammi il Tuo Meglio" perchè per me è fondamentale andare alla ricerca di Potenzialità e Talenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *